Archivio

Archivio Marzo 2006

POSTA!!!

29 Marzo 2006 2 commenti


Tempo di elezioni!Ormai la campagna elettorale va avanti da mesi…Io seguo le vicende italiane tramite internet(mi trovo in germania da 10 anni),e da quello che ho potuto capire il berlusconi sente sempre di piú il fuoco sotto i piedi e,ormai consapevole(Forse,visto il prototipo di cervello che si ritrova…),che dovrá farsi da parte,se non addiritura sparire dalla scena politica.Le sta tentando tutte pur di rimettersi in corsa.A parte la sua presenza in quasi tutti i programmi televisivi e radiofonici,é iniziata la “strategia postale”…Inviare agli italiani una lettera con tanto di foto per indurli ad accordargli nuova fiducia per poter prtare a termine il suo lavoro(di distruzione…).Dopo 10 anni qui,per la prima volta ricevo posta!!!Era la sua lettera con tanto di foto.Alla sua vista ho avuto un rigurgito e per evitare il rischio di vomitare l´ho buttata nel cesso…Spero non intasi le fognature di Amburgo…Per la par condicio devo dire che ho ricevuto poco dopo anche la lettera di prodi!Quella l´ho semplicemente cestinata…Non si cercano gli italiani soltanto in periodo di elezioni.Bisogna mantenere le “promesse” e fare le cose giuste per aquistarne la fiducia.Adesso,spero,ci sará il cambio al vertice.Ma non bisogna abbassare la guardia e si valuteranno le cose strada facendo.fateci ritornare la fiducia………….

Categorie:Argomenti vari Tag:

Se va avanti cosí…

21 Marzo 2006 59 commenti


Vedremo soltanto una sfera di fuoco,
piú grande del sole,piú vasta del mondo.
Nemmeno un grido risuonerá.
E catene di monti coperte di neve
saranno confine a foreste di abeti.
Ma in mano l´uomo le toccherá,e solo il silenzio
come un sudario si stenderá,tra il cielo e la terra
per 1000 secoli almeno,ma noi non ci saremo.
E il vento d´estate che viene dal mare
intorno al contatto tra 1000 rovine.
fra le macerie delle cittá,tra case e palazzi
che lento il tempo sgretolerá
fra macchine e strade risorgerá il mondo nuovo.
Ma noi non ci saremo.
E dai boschi e dal mare ritorna la vita
e ancora la terra sará popolata.
Tra notti e girni il sole fará
le 1000 stagioni che ancora il mondo percorrerá.
Gli spazi di sempre per 1000 secoli almeno.
Ma noi non ci saremo.
Bella canzone di Guccini e i Nomadi che,se continua cosí, sará una trista realtá.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Relazioni +o- virtuali!

6 Marzo 2006 9 commenti


E si!Internet ha proprio fatto passi da gigante!Con un computer e la connessione giusta si possono fare tante cose.Tra le quali appunto fare conoscenza e intrattenere relazioni.Ed ecco che proliferano i vari siti che offrono le cosiddette chat…Ma quando il “gioco” si fa serio ecco che potrebbero spuntare inattesi problemi.Quanti si sono trovati nella situazione imbarazzante di trovarsi poi a incontrare realmente il proprio “contatto” e trovarlo esattamente l´opposto di ció che ci si aspettava?Va bene intrattenere relazioni virtuali,ma attenzione alle sgradite sorprese…

Attenzione.Dittatura dietro l´angolo.

2 Marzo 2006 6 commenti


Roma 01/03/06
Berlusconi non si accontenta piú di decidere quando andare in onda,dove e con chi andare in onda.Non si accontenta piú di portarsi dietro un truccatore personale,un consigliere-suggeritore e un “curatore dell´immagine” che dá istruzioni tassative sulle inquadrature consentite e su quelle vietate.No,adesso il presidente del consiglio arriva in studio con il suo regista personale.Che non affianca il titolare della trasmissione,ma semplicemente lo sostituisce:prende il comando dello studio,dirige la puntata e poi va via insieme al cavaliere.Non era mai successo,nella storia della televisione italiana,che a un intervistato (per quanto eccellente)venisse concesso un simile privilegio.Non era mai successo fino a venerdí scorso,quando silvio berlusconi si é presentato allo studio 3di Cinecittá per registrare la puntata de “L´incudine”,la trasmissione di Claudio Martelli.Che si trattasse di una puntata speciale,la redazione l´aveva giá capito:mandata in onda da italia 1 abitualmente il giovedí dopo la mezzanotte,grazie all´arrivo del premier la trasmissione veniva eccezionalmente collocata nella prima serata di sabato,al posto del film “Men in black”(e cosí velocemente da non lasciare neanche il tempo a “Tv sorrisi e canzoni”di aggiornare i programmi.
Non solo,ma gli autori del programma -i pií stretti collaboratori del conduttore nella preparazione delle interviste- erano stati insolitamente tenuti all´oscuro delle domande preparate da Martelli per il premier.”Il presidente arriverá con la sua squadra”,aveva avvertito la segretaria di berlusconi.Nessuno peró aveva capito che in quella squadra ci sarebbe stato anche il regista:Maurizio Spigliardi,un professionista ingaggiato da mediaset per “il senso della vita” (che evidentemente deve aver conquistato la piena fiducia del premier con la puntata dedicata al suo amarcord familiare).
Il fatto é che non l´aveva capito neanche il regista della trasmissione, Sergio Colabona (lo stesso di affari tuoi),il quale stava arrivando a Cinecittá quando é stato fermato da una telefonata perentoria: “Non venire,non c´é bisogno”.Gelo negli studi,grande imbarazzo in cabina di regia,mentre Martelli-lasciando fuori dalla porta gli autori increduli e furenti-si chiudeva nel suo camerino con Giorgio Mulé,il vice di Mauro Crippa al vertice della piramide mediaset dell´informazione. Poi é arrivato berlusconi,con il resto della squadra (da Paolo Bonaiuti,che faceva si-si o no-no da dietro le quinte,a seconda degli argomenti toccati da Martelli,a Roberto Gasparotti,il meticoloso curatore delle inquadrature presidenziali).E Spagliardi,il regista “ad personam” ha dato il via alla registrazione.
Anche stavolta,come era giá successo in tutte le altre trasmissioni che avevano ospitato il cavaliere,era tassativamente proibito il primo piano: concesso,al massimo,qualche piano americano.E naturalmente nessun cameraman s´é azzardato a puntare la telecamera sulle scarpe dell´ospite (che hanno colpito tutti i presenti per l´altezza del tacco e lo spessore del rialzo interno).
La trasmissione poi é andata come é andata.Due ore e mezzo di interminabili sermoni berlusconiani,cosí pesanti che alla fine Mulé e il regista si sono guardati in faccia sconsolati,domandandosi se ci fosse un modo,magari col montaggio,di rendere un pó piú commestibile quel diluvio di parole.Non c´era,purtroppo.Nonostante il dimezzamento delle interruzioni pubblicitarie-altra misura “ad personam”,del tutto inusuale per una rete commerciale-l´indomani l´auditel avrebbe registrato uno share del 7 per cento,che per gli addetti ai lavori significa,in prima serata,”flop spettacolare”.In fondo,al regista titolare é andata bene:adesso é l´unico che puó dire:Io non c´ero.
31/01/06
P.S.:Tutti quelli che leggeranno la presente comunicazione sono pregate(se lo vogliono)di trasmetterla,o di portarla a conoscenza di piú persone possibile).Non si sá mai che qualcuno lo votasse di nuovo…